Risparmiare sull’acquisto di un’auto

Consigli per risparmiare sull'acquisto di un auto

Le case automobilistiche vogliono convincerci che qualsiasi auto nuova sia un affare. Consumi ridotti, motore diesel al prezzo di quello a benzina, 5 porte al posto di solo 3 sono sono alcune delle offerte allettanti delle concessionarie. Ma se è possibile risparmiare sulla benzina è anche possibile risparmiare sull’acquisto di un’auto o i prezzi sono tutti uguali? Noi diciamo di no e vi mostriamo come.

La parola d’ordine è indubbiamente il confronto, non è detto che due auto uguali abbiano lo stesso prezzo. Prima di acquistare un’auto, visitate diverse concessionarie e fatevi fare dei preventivi per poter comparare le offerte. Una concessionaria più grande e più fornita ha solitamente volumi e margini superiori a una concessionaria piccola ed è più facile quindi ottenere uno sconto. Non è sempre garantito ma occorre verificare, non fermandosi al primo prescelto.

Un’ottima occasione può essere quella di acquistare un’auto a km zero. L’auto a km zero è una vettura immatricolata dai concessionari stessi e rappresenta circa l’11% del mercato dell’auto italiano. Lo sconto può addirittura superare il 20%, ricordatevi però che al costo finale dell’auto dovrete anche aggiungere il passaggio di proprietà. Attenzione, però, alla versione in vendita, può trattarsi di un vecchio modello.

Si può anche risparmiare nella scelta del colore. Un’auto con vernice metallizzata costa più del colore tradizionale e pensate che il costo di produzione è lo stesso. La vernice metallizzata si paga come optional. Sappiate che il bianco è tornato di moda.

Prima di acquistare un’auto valutate attentamente le vostre esigenze e confrontate i modelli. Ricordatevi anche che esistono gli incentivi (con o senza rottamazione). Oggi si può acquistare una piccola citycar a 7.000 euro e una compatta del segmento B a soli 9.000 euro. Lo sconto non è erogato dallo Stato, bensì dalle case automobilistiche o dai concessionari stessi. Per il cliente non fa la differenza.

A seconda del livello di emissione di CO2 si aveva l’opportunità di spendere di meno, rispetto al prezzo di listino, tra i 2.000 ed i 5.000 euro.

Nulla di fatto per quanti cercavano di raccapezzarsi con le tante offerte dei nuovi modelli green di auto. L’industria automobilistica evidenzia forti difficoltà di sostenibilità dello sviluppo e sta vivendo un momento di transizione. Così, non è detto che per risparmiare bisogna, ad ogni costo, puntare alla formula green. Almeno sembra che i tempi non siano ancora maturi per tale traguardo.

La scelta di alcune case automobilistiche, sul fronte incentivi

Non sempre l’usato fa contenere i costi, soprattutto se si rivela inefficiente nel tempo e ci comporta spese continue di manutenzione.

Gli incentivi sembrano fare sempre la stessa fine. E così Fiat e Citroen hanno previsto delle sovvenzioni o sconti, prescindenti dagli incentivi statali. Si cerca, piuttosto, di stimolare l’acquisto di auto a metano o a Gpl. Informatevi su eventuali offerte o incentivi per risparmiare sull’acquisto auto, a tal riguardo, la cui iniziativa non è detto parta dallo Stato. Chiedete degli sconti sulla rottamazione della vecchia auto. Domandare non costa.

Attenzione anche alle modalità di pagamento

State pensando di fare un finanziamento per comperare la vettura dei vostri sogni? Benissimo, una delle prassi pratiche attuate sovente dalle finanziarie per indurre all’acquisto dell’automobile, è rappresentata dalla formula: “Chiavi in mano e paga la prima rata dopo tot mesi”. Certo, la tentazione è forte ma dei conticini non farebbero male. Bisogna chiedersi informazioni sull’eventuale pre-ammortamento nel periodo di attesa, nonché sull’eventuale esistenza della maxi-rata finale.

Il leasing auto? Può rivelarsi particolarmente gradito per auto di grossa cilindrata (non sempre vuol dire risparmiare sull’acquisto dell’automobile), a seconda delle condizioni, dove i costi dell’assicurazione e della manutenzione saranno salati. Sono a carico della società di leasing, da contratto? Bene, cerchiamo di fare una comparazione dei costi, in ragione del canone versato. Si ha la possibilità di avere sempre un’auto fresca di ricambio, senza rilevarne necessariamente la proprietà. Il leasing per l’usato o per le classiche utilitarie non è tra i più convenienti.

Avete mai visto le pubblicità dove in prima scena salta all’occhio il prezzo base, accessori esclusi? Ecco, non sempre la versione base esiste e spesso gli accessori possono aumentare di non poco il prezzo base.

Conclusioni

Risparmiare sul serio quindi, ci pone di fronte ad alcune regole basilari, anche senza incentivi e sconti. Come spendere di meno? Dipende dalle vostre esigenze. Partite da esse, dal vostro budget, dai vostri desideri e, a parità di tutto questo, cercate l’offerta migliore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *